Quando si dice che lo Stato è canaglia…  Sono anni che l’intero settore del turismo chiede una riduzione dell’IVA in grado di consentire competitività con quei paesi che, proprio sul turismo, pagano aliquote ben diverse e inferiori delle nostre, aliquote che consentono di contenere i costi di produzione e vendita di quei servizi capaci di dare slancio all’economia. 

E il nostro paese è l’Italia, quell’Italia che da sola rappresenta il Paese col maggior numero di siti Unesco del mondo, che vede nei suoi oltre 5.000 chilometri di costa balneabile il sogno di ogni altra nazione, che possiede 60.000 chilometri quadrati di foresta con ben 146 riserve naturali, che vanta 2.100 siti e monumenti archeologici, 20.000 rocche e castelli, 40.000 dimore storiche, 185 località termali. E questo per non parlare di oltre 33.000 alberghi, 2.400 campeggi e villaggi turistici, 11.500 aziende agrituristiche, 95.000 posti barca in porticcioli, 78.000 ristoranti, 128 parchi tematici. E, dulcis in fundo, circa 12.000 tra agenzie di viaggio e tour operator.

Un tessuto connettivo d’arte, storia, cultura, imprese e servizi che sarebbe in grado, da solo e qualora fosse messo in condizione di competere, di elevare il PIL di almeno un punto e mezzo o due, contribuendo notevolmente al rilancio dei consumi e della crescita.

Ma il nostro Governo sceglie la strada più semplice, che è anche quella che richiede meno intelligenza e rischia meno contraccolpi: aumentare l’IVA anziché diminuirla.  In questo modo si rincarano i prezzi, è vero, ma si litiga meno all’interno della maggioranza e non si scontentano alcune lobby certamente più importanti e agguerrite di quelle poche esistenti nel nostro comparto.

E attenti al contributo di solidarietà… Potrebbero decidere di farlo pagare solo agli agenti di viaggio con la scusa che la solidarietà è cosa capace di unire i poveri, e che quindi meglio si intona a noi piuttosto che allo 0,075 del resto dei contribuenti, quelli, cioè, chiamati a pagare in quanto titolari di un reddito personale superiore ai 300.000 euro.

Basta. Basta, basta, basta. Uno Stato incapace di tutelare, proteggere e aiutare i propri cittadini a godere di una vita decorosa è indegno di governare. Uno Stato capace solo di pensare ai propri diritti non facendosi mancare nulla, mentre le imprese combattono quotidianamente per salvaguardare il diritto al lavoro e alla competizione, non merita fiducia.

Si minacciano manette agli evasori ma non si degna di uno sguardo l’evasione generata da quegli abusivi che gli agenti di viaggio denunciano inutilmente alle Province, alla Polizia, alla Guardia di Finanza.  Si guarda ai mercati globali ma non si è in grado di mettere ordine in quelli rionali. Si aiuta la nascita di una “nuovaAlitalia che dopo soli 3 anni presenta bilanci da schifo nonostante abbia scaricato passività e perdite pregresse sulle spalle dei contribuenti. Si disquisisce sul valore della concorrenza ma si aiutano a fallire le imprese che vogliono concorrere nei capisaldi monopolistici quali il trasporto ferroviario. Si insiste nel mantenere in vita le Province quando non esiste italiano che non sia perfettamente conscio della loro inutilità.

Basta. Questo non è un governo che gli italiani meritano. Non è un governo che le nostre imprese meritano. AAA Cercasi tecnici capaci di ricostruire un Paese di per se industrioso, geniale, di buon carattere, da sempre portato a sacrificarsi. Li si ricercano sessualmente impotenti, alti abbastanza da guardare lontano, privi di preconcetti campanilistici e assolutamente insensibili al fascino degli animali.

Ma questo, purtroppo, è un mayday che rimarrà inascoltato.  

17 COMMENTS

  1. Concordo in pieno. Purtroppo in Italia è pieno di pseudo-imprenditori, pseudo-finanzieri e pseudo-politici.
    Sono anni che vanno alla ricerca del recupero proponendo sempre le stesse soluzioni che anno dopo anno si rivelano inefficaci.
    Basterebbero poche manovre che nel breve termine sembrerebbero inutili ma che a lungo andare migliorerebbero la situazione.
    Per esempio diamo la possibilità alle famiglie di scaricare parte dell’IVA da ogni acquisto e porterebbe a richiedere sempre lo scontrino ovunque o le ricevute e porterebbe anche allo sparire di tanti abusivi.
    Diamo la possibilità di scaricare le spese mediche più del 20% di sconto che fanno normalmente per non emettere ricevuta.
    Uniformiamo l’IVA al resto d’europa per il turismo, incrementando la possibilità di spendere di ogni cittadino.
    Ci sono metodi più efficaci ma a loro convengono?

  2. un unico commento

    sono d’accordo su tutto tranne la fine

    E’ UN GOVERNO CHE CI MERITIAMO ECCOME
    branco di pecore come siamo!

    c’e’ forse qualcuno che ha detto be?
    oggi sull’iva?
    c’e’ qualche manifestazione?
    c’e’ qualche protesta??

    un pugno di uomini in mutande ha minacciato di non correre + dietro a un pallone e puff
    tassa di solidarieta magicamente sparita

    e noi?
    noi tra un po’ dovremo vendere i beni di famiglia per sopravvivere e cosa facciamo???
    manco be!

    non siamo neanche un branco di pecore!

    scusatemi i toni ma sono infuriata
    delusa
    amareggiata
    e allibita

    • Sofia sono completamente in accordo con quanto scrivi…..siamo solo codardi…perchè non siamo capaci di unirci per far ascoltare la nostra voce…e in un paese dove i calciatori hanno anche il diritto di scioperare….bhè…secondo te andremo lontano??? Io credo proprio di no….e ogni giorno sono spinta a preparare le raccomandate di disdetta per tutto questo….sono stanca di lottare per mandare avanti la baracca….sono stanca di dover mettere mano ai risparmi che ormai si stanno esaurendo…
      Francesca

    • La differenza che i mutandoni che giocano a calcio portano
      molto + business di noi…..e non è cosa da poco!!!
      E poi se non mi sbaglio c’è un politico che ha a che fare con i giocatori..o sbaglio? c’è chi dice che si stava meglio quando si stava peggio… forse ha ragione!!

  3. Purtroppo siamo una categoria falsa e assolutamente non unita, Io credo che abbiamo poche possibilita’ di sopravvivere in quete condizioni ma dobbiamo giocarcele Noi bene.
    Non credo che nessuno abbia avuto un danno da questa estate Nera .
    Propongo ad esempio che tutto facessimo richiesta di risarcimento a quei T.O. che per la loro inaffidabilita’ci hanno creato un danno(immagine, economica , ecc.ecc.)I clienti se hanno un ritardo del Volo chiedono e loro riconoscono bonus soldi rimborsi a Noi non spetta Nulla.

    X autotutela : possibile rivalersi verso T.O. per danni ricevuti di immaggine e di soldi.

    Grazie

  4. Pare….che anche il cane della Brambilla se la sia data.
    Lei lo cerca disperatamente e sarebbe disposta a qualsiasi cosa per ritrovarlo (forse per questo è rimasta distratta sull’iva), ma figurarsi se il bobby ritorna da lei !
    Mica è scemo come noi adv 🙂

  5. Abbiamo i governanti che ci meritiamo. Vanesi, trasformisti, e completamente incapaci di prendere decisioni ponderate. O cambiamo questo di cose, o l’Italia dichiarerà bancarotta…e saremo aiutati dal generosissimo fondo monetario internazionale con i suoi tassi d’interesse da rapina, a proposito ne sanno qualcosa parecchie nazioni africana.

  6. dico che il turismo è una fonte importantissima nel nostro paese che non viene valorizzata per nulla. Pare che questa manovra trovi l’approvazione della commissione europea mah sarà……

  7. FINALMENTE!! Anche qualcuno della ns. catgoria derelitta si rende conto che siamo governati da incopetenti, falsi e bugiardi (basta andare indietro con la memoria – ma c’è ancora qualcuno in Italia che ha memoria??- e ricordare quanto il Berlusca ed i suoi degni accoliti ha promesso ed anche sottoscritto dal 94 ad oggi…).Ma chi lo ha votato ed eletto?? Certamente adesso nessuno dirà di averlo votato. Siamo Italiani brava gente. Dopo 20 anni di Fascismo i fascisti non c’erano mai stati. Dopo la caduta ovviamente!!
    REAGIAMO e facciamoci sentire.
    PS. per restare nel ns. settore: cosa ne dite di questa faccenda di LINGSTONE e…TOTO??? Anche qui mi sembra che la memoria sia completamente assente.

  8. Speriamo di essere arrivati all’anno zero!Così si può ricostruire tutto dalle ceneri..Stando attenti però,ormai siamo abituati alle lusinghe del mago Silvion e co.La strada è lunga ma ce la faremo,ce l’abbiamo sempre fatta..

  9. Sono arrivati i nuovissimi spot della Costa… Ed ovviamente la compagnia di crociera ha avvisato tutte le agenzie.
    .
    Commetiamoli insieme sul blog!!!!!
    .
    Cosa vuoi commentare?
    .
    C’è un numero diretto per tagliare fuori le agenzie!!!

LEAVE A REPLY

*