La situazione egiziana – in continua evoluzione e fortemente degenerata nelle ultime ore – impone una riflessione attenta e matura che chiarisca obblighi e diritti per ognuna delle parti in causa, siano queste rappresentate dalle Istituzioni, dai consumatori o dagli operatori del turismo.

Il comunicato diramato dalla Farnesina il 15 agosto – e tuttora valido – dichiara testualmente che “… si sconsigliano i viaggi  nel Paese con destinazioni diverse dai resorts situati nelle località turistiche del Mar Rosso (Sharm el Sheikh, Marsa Alam, Berenice e Hurgada) ed in quelle della costa nord (Marsa Mathrou, El Alamein), dove al momento non si registrano incidenti, anche se, in ragione del continuo evolvere degli eventi non sono da escludere azioni dimostrative legate alla situazione di generale instabilità del Paese. Si suggerisce fortemente di evitare escursioni fuori dalle istallazioni turistiche ed in particolare nelle città. Lo stato di emergenza ed il coprifuoco potrebbero comunque creare disagi anche nelle suddette località turistiche”.

E’ evidente il tono quanto mai prudenziale di tale comunicato volto a mettere in guardia i viaggiatori ma, anche, a salvaguardare gli importanti interessi dell’industria turistica sia egiziana che italiana, e ci auguriamo che l’assunzione di responsabilità da parte del Ministero degli Affari Esteri, esercitata in virtù delle sue stesse rassicurazioni, sia frutto di attentissime valutazioni.

Pertanto, allo stato attuale, tutti i consumatori in procinto di partire per le località balneari sopra citate o, comunque, in possesso di prenotazioni già confermate, sono tenuti al rispetto del contratto di viaggio. Resta indiscusso il diritto di annullamento, previo il pagamento delle penali da cancellazione previste dai singoli tour operator.

Si invitano tutti gli operatori turistici interessati a concedere la massima disponibilità per quanto alle richieste di cancellazione e di cambiamento di destinazione richieste dai viaggiatori, compatibilmente con le possibilità di ognuno.

Agli agenti di viaggio ricordiamo che la veste di intermediario non concede loro alcun potere discrezionale in merito all’interpretazione delle norme e delle condizioni contrattuali intercorrenti tra consumatore e organizzatore, e pertanto li si invita al massimo rispetto evitando il ricorso a pratiche (vedi, ad esempio, assicurazioni annullamento per motivi di salute) che potrebbero rivelarsi estremamente dannose per gli interessi loro e dei loro clienti.

Per quanto al prossimo futuro, e quand’anche non ve ne sia particolare necessità, suggeriamo agli agenti di viaggio di non favorire nuove prenotazioni verso le destinazioni balneari egiziane in quanto – proprio a causa del tenore fortemente ambiguo del comunicato della Farnesina – l’eventuale insorgenza di disagio nei resort turistici potrebbe vederli quale parte poco diligente nel rapporto contrattuale col viaggiatore, ponendoli in posizione di corresponsabilità.

Il nostro servizio legale sarà attivo venerdì 16 e sabato 17 agosto dalle ore 09:00 alle ore 12:00 e si provvederà a dare notizia di ogni situazione degna di nota.

12 COMMENTS

  1. Io penso sia vergognoso, sia il comunicato del ministero, sia l’atteggiamento dei T.O. Clienti prenotati con noto TO, partenza il 25 Agosto, con bambini al seguito, Non sentono ragioni. Come si fà ad andare in Egitto adesso. Con che spirito pareti sapendo che ci sono migliaia di morti.
    Cosa deve succedere per non partire?
    Vorrei poter cambiare la destinazione, non riavere i soldi.
    Che schifo.

    • AUTOTUTELA A ALESSANDRO
      ========================
      Pur comprendendo la preoccupazione ed il timore di chi si prepara a partire per le località balneari del Mar Rosso, bisogna dire che la Farnesina rappresenta l’unico soggetto accreditato per esprimere valutazioni in merito ai rischi del viaggiare verso determinati Paesi.
      In questo caso, il Ministero degli Esteri ritiene ancora sicure le località che stanno ospitando circa 20.000 italiani a settimana.
      Sarebbe ingiusto – e immotivato – penalizzare sia i viaggiatori che l’industria turistica italiana ed egiziana a fronte di situazioni che, ad oggi, non rappresentano rischi concreti.

  2. Per Autotutela,
    se il cliente si presenta con la volontà di annullare il viaggio, corredato di certificato medico, io non posso che prenderne atto e aprire il sinistro…

  3. Vorrei però far presente una cosa. Un viaggio è fatto non solo di servizi, ma anche di emozioni. Se una persona si presenta in agenzia con il desiderio di non partire a causa dei notti fatti, non me la sento di darle torto. Il ministero può indicarci se le località sul Mar Rosso sono sicure o meno, ma non può intervenire nel sentire delle persone. Di fronte a migliaia di morti, un lecito desiderio di non partire è comprensibile, umano e sicuramente da assecondare.
    Troppo facile far finta di niente. Mi viena a mente quelle foto che si vedono quando annega qualcuno in spiaggia. Il corpo coperto da un lenzuolo bianco e tutti intorno a prendere il sole. Non si può dai..

    • Salve,
      anticipo che io dovrei partire per Hurghada domenica prossima.
      Pochi minuti fa il TG ha affermato che ci sono state manifestazioni anche nella nota località
      turistica,nonostante ciò la Farnesina non cambia il proprio comunicato,e probabilmente c’è stato anche un morto.Cosa deve succedere di più deve morire un turista o aspettiamo una sorta di attentato in uno dei villaggi vicino alla città per far si che ci facciano sentire sicuri?manifestazioni pacifiche certo ,che sono finite a sassate e fucilate e noi turisti belli belli al sole con un cocktail in mano a sguazzare nell’indifferenza..come potrebbe sentirsi un manifestante ”pacifico” quando una realtà così diversa da quella che sta vivendo è a pochi chilometri da lui??
      Tour operator tedeschi hanno cancellato i viaggi non capisco perchè non lo facciano anche quelli italiani ,al di la della farnesina qui si parla di BUON SENSO DI RESPONSABILITA’ VERSO ALTRE PERSONE.

  4. Ora il sito viaggiaresicuri non è raggiungibile per motivi tecnici. I recapiti della farnesina sono sempre occupati. In TV segnalano allerta vicino ai resort. Che sta succedendo? Come posso decidere se partire.

  5. Buongiorno, io vorrei mettere in evidenza una cosa molto fondamentale. Quando un passeggero compra un pacchetto che: non ha limitazioni di movimento, di orari uscita e rientro dai resort, quando ha la possibilità di godere sereno e tranquillo della mete che la destinazione offre, come fà a sopportare un comunicato che praticamente gli sconsiglia in tutto e per tutto ad andare in Egitto tranne che se rimani recluso nei resort!!! Questo comunicato è fatto ad personam… al fine di non far scattare l’annullamento automatico dei pacchetti turistici. Ma ora penso sia il caso di aggiornarlo.. la Germania a comunicato lo sconsigli in tutto l’Egitto (mar Rosso compreso) alle ore 12 di oggi.

  6. La Farnesina, telefonicamente, mi ha comunicato che è stato diramato “uno sconsiglio” per tutte le località dell’Egitto.

  7. Il comunicato della Farnesina sembra quasi “suggerito” dai TO.
    Quando ci fu l’ultimo “sconsiglio” di recarsi in Egitto la situazione era molto meno esplosiva; stavolta invece sembra un comunicato ponzio-pilato, sperando che non succeda nulla…. Insomma ci rimettiamo nelle mani della Madonna!!!

    Inoltre la Farnesina dovrebbe ben sapere che, in caso di peggioramento della situazione, e pericolo reale non ci sarebbero i mezzi per un evacuazione di massa: mica possiamo mandare 3.000/4.000 soldati italiani ad “invadere” Sharm per proteggere i nostri connazionali….
    Quindi se la situazione dovesse rendersi incandescnte che facciamo: aspettiamo la “grazia” di un intervento militare statunitense?

    Da diverse settimane io sconsiglio l’Egitto ed ho tolto tutte le locandine: per colpa di qualche imbecille di burocrate ministeriale io non rischio di avere un cliente sulla coscenza

  8. Da fonti di stampa sembra che vi siano cortei pro-Morsi (con socnri?) in tuttol’Egitto e anche ad Hurghada: e cosa compare sul sito di Viaggiare Sicuri (ore 17.55):

    “Causa problemi tecnici il sito è momentaneamente inaccessibile.
    Ci scusiamo per il disagio e assicuriamo il massimo impegno per la soluzione del problema nel più breve tempo possibile.
    Il servizio verrà riattivato nel più breve tempo possibile.”

  9. Da SKY TG 24 delle ore 18.00

    La Farnesina ha messo lo SCONSIGLIO per TUTTO l’Egitto: ma il sito viaggiare sicuri/unità di crisi ancora non funziona

  10. ruscite ad accedere al sito? viaggiare sicuri? nel caso di sconsiglio della farnesina come è possibile muoversi con i TO per ottenere una variazione della meta o un rimborso?

LEAVE A REPLY

*