BALKAN EXPRESS ha inviato alle AdV clienti una comunicazione con la quale informa sui rimborsi previsti per i viaggiatori ai quali è stata annullata la partenza per le vacanze prenotate invitandoli
A) a rivolgersi direttamente ad essa per ottenere il rimborso di quanto pagato qualora la prenotazione sia riferita al servizio di “solo volo”;
B) in caso di pacchetti di viaggio, BALKAN EXPRESS indirizza alla compagnia assicuratrice FILO DIRETTO, presso la quale l’operatore afferma di aver stipulato la polizza assicurativa “Filo Diretto Protection” a tutela del consumatore nei casi di insolvenza o fallimento dell’assicurato.

Con questa comunicazione, BALKAN EXPRESS ha ufficializzato il proprio stato di insolvenza manifestatosi, prima, con l’inadempimento contrattuale verso i consumatori e, successivamente, col ricorso alla FILO DIRETTO, che ha il compito di tenere indenni i medesimi in queste circostanze.

Ricordiamo agli agenti di viaggio, ma soprattutto ai loro clienti, che il rimborso delle somme pagate non esonera BALKAN EXPRESS dall’obbligo di risarcire i danni causati con le cancellazioni delle partenze, comunicate anche solo con due giorni di anticipo rispetto alle date previste.

Il D.Lgs. 79/2011 stabilisce che qualora il pacchetto turistico venga cancellato prima della partenza per qualsiasi motivo, tranne che per colpa del turista, a quest’ultimo spetta la possibilità di usufruire di un altro pacchetto turistico o il rimborso di quanto pagato entro sette giorni lavorativi dalla cancellazione. Inoltre ha diritto ad essere risarcito di ogni danno causato dalla mancata esecuzione del contratto (art. 42 comma 1-2 – Diritti del turista in caso di recesso o annullamento del servizio).

Oltre a quanto sopra, l’art. 47 (Danno da vacanza rovinata) precisa che “…nel caso in cui l'inadempimento o inesatta esecuzione delle prestazioni che formano oggetto del pacchetto turistico non sia di scarsa importanza ai sensi dell'articolo 1455 del codice civile, il turista può chiedere, oltre ed indipendentemente dalla risoluzione del contratto, un risarcimento del danno correlato al tempo di vacanza inutilmente trascorso ed all'irripetibilità dell'occasione perduta.” e, in queste circostanze, è indiscutibile che l’inadempimento sia gravissimo.

I consumatori potranno rivolgersi alle sedi dell’ADOC (Associazione a Difesa e Orientamento dei Consumatori) – presenti su tutto il territorio nazionale, dove troveranno esperti del diritto del consumo pronti ad aiutarli. Invitiamo gli agenti di viaggio coinvolti loro malgrado in questa vicenda, a farsi parte diligente fornendo le corrette informazioni ai clienti.

Ricordiamo ai consumatori danneggiati che le agenzie di viaggio hanno agito nella semplice qualità di “intermediari”, senza alcuna possibilità di intervenire sull’operato di BALKAN EXPRESS e, quindi, senza responsabilità alcuna.

Restiamo a disposizione per ogni chiarimento.

AIAV – Ufficio Legale